Balletto di Milano
Lo Schiaccianoci

Balletto fantastico in due atti su musica di P. I. Čajkovskij
liberamente ispirato al racconto di E. T. A Hoffmann
imaginary ballet in two acts • music by P.I. Tchaikovsky • inspired by the novel by E. T. A. Hoffmann
Coreografia Federico Veratti • Scenografie Marco Pesta • Ideazione Carlo Pesta
Choreography Federico Veratti • Set design Marco Pesta • Conception by Carlo Pesta

L’ambientazione anni ’20 con i suoi colori vivaci negli arredi e gli elegantissimi costumi sempre in stile
conducono immediatamente nel clima della fiaba natalizia per eccellenza. La rivisitazione del celebre
balletto di repertorio nulla toglie alla magia della storia originale poiché in questo Schiaccianoci c’è
tutto quanto il pubblico si aspetta: dall’albero di Natale alla nevicata, dall’allestimento e costumi
importanti alle scarpette da punta… con un pizzico di svecchiamento. Creato da due giovani è infatti
un balletto brillante e ricco di verve realizzato con gli occhi e il gusto di oggi.
Il frizzante primo atto scorre tra le le danze dei genitori, quelle di bambini vivacissimi e inaspettate gag
tra il dispettoso Fritz e Drosselmeyer. Gli insoliti costumi dei topi e soldatini nella consueta battaglia,
un paesaggio innevato dal sapore impressionista per la sempre attesa danza dei candidi fiocchi di
neve infondono un’originalità particolarmente apprezzata. Il secondo atto, dopo il divertissement
con le sue belle danze e l’esplosione di gioa e colori del Valzer dei fiori, culmina in uno spettacolare
grand pas deux ricco di virtuosismi mozzafiato in cui si mettono in luce le eccezionali caratteristiche
tecniche e artistiche dei protagonisti.